Quinta Parete

Noi tra di voi

Anna Bellini, ghiaccio mobile a “Meridiana” con Quinta Parete

Anna Bellini, ghiaccio mobile alla Meridiana con Quinta Parete

Dal deserto ai cristalli ghiacciati la pittura di Bellini diventa sonora

su l’Arena del 21 novembre 2015

Dopo aver dipinto le terre africane assolate e la sabbia del deserto, due anni fa, per la serie Mal d’Africa, e prima ancora galassie e fondali marini, la pittrice veronese Anna Bellini passa ai cristalli d’acqua ghiacciata che per lei sono geometrie in movimento, colori anche accesi, cellophane in controluce, carte veneziane in sottofondo, vetro in primo piano. S’intitola  “Ghiaccio mobile” la serie di 17 nuove tele della Bellini in mostra alla Galleria La Meridiana in via Oberdan 3 fino a venerdì 27 novembre. L’ingresso è libero, da martedì a domenica dalle 16 alle 20. Il catalogo, edito da Quinta Parete con il sottotitolo “Di
me stessa musa”, è curato da Federico Martinelli. Oltre alle immagini dei quadri, raccoglie altrettante poesie scritte dalla Bellini – anche poetessa, romanziera e attrice di teatro – che danno il titolo alle opere pittoriche ispirate al ghiaccio. Non aspettatevi  nulla di freddo o statico, come del resto suggerisce il titolo stesso della serie. I cristalli di ghiaccio, nella testa e nelle mani
della Bellini, non sono pure e immobili forme geometriche, per quanto perfette e affascinanti. Prendono invece forme diverse
e lei si cala perfettamente in una dimensione che oscilla tra due elementi mobili  per eccellenza: aria e acqua. La mostra personale è stata inaugurata sabato 14 novembre dalla pittrice insieme al poeta Marco Ongaro, che ha recitato alcune poesie tratte dal catalogo, e alla giovane cantautrice Veronica Marchi, che ha incantato il pubblico con tre brani suoi e la trasposizione in musica della poesia Alba della Bellini. Nelle 17 tele di Ghiaccio mobile l’artista conferma il suo amore per la pittura materica e la sua ricerca in fatto di materiali. Si spinge anche oltre, creando quadri sonori. Su ogni tela, infatti, i pezzi di vetro assemblati
fino a creare piccole sculture tintinnano dolcemente, alle orecchie di chi sa ascoltare. Così Bellini intende sollecitare tutti i sensi, non solo la vista,come ha già fatto in passato. Ci ha abituato a toccarli o annusarli, i suoi quadri. Ora ci chiede di stare pure con le orecchie bene aperte. «Mi è parso che il vetro fosse un ottimo strumento per dare dinamismo alla mia idea del ghiaccio e dei cristalli», afferma la pittrice. Nonc’è nulla d’improvvisato o lasciato al caso, nel suo modo di essere artista.
«Lavoro ad ogni nuova serie come una scienziata», sottolinea. Nella vita quotidiana, del resto, Bellini fa il medico di famiglia. Una professione che adora, ma che non le basta. «L’arte ti nasce dentro, è qualcosa che non puoi fermare e che chiede sempre di uscire allo scoperto» conclude.

Allegati:

Scarica il PDF dell'articolo


Prossimi Appuntamenti

09

Ago

2019

    L’uomo che piantava gli alberi

  • Luogo: Avesa, Verona - Villa Scopoli
  • Curatore: Teatro Impiria

Uno spettacolo che parla alle corde dell’anima. L’amore per la natura e per un futuro migliore attraverso parole che donano sentimenti di pace e serenità.FacebookTwitteremail

10

Ago

2019

    Dove vai tutta nuda?

  • Luogo: Arbizzano, Negrar - Villa Albertini
  • Curatore: I tre pantaloni

Uno spettacolo avvincente, tratto da Feydeau. Il ritmo, gli incastri e i canoni del vaudeville per una commedia tutta da ridere. Un tuffo spensierato nei malintesi, negli equivoci e negli incastri di una trama fitta di colpi di scena.FacebookTwitteremail

18

Ago

2019

    Un curioso accidente

  • Luogo: Arbizzano, Negrar - Villa Albertini
  • Curatore: La Bottega Teatro

Un capolavoro di Carlo Goldoni. Un tuffo aggraziato in una commedia dal sapore universale, uno spaccato sulla società del 1600 che … più di tanto non è cambiata rispetto a oggi.FacebookTwitteremail

23

Ago

2019

    L’osto de Verona

  • Luogo: Avesa, Verona - Villa Scopoli
  • Curatore: Guido Ruzzenenti

Verona, negli anni delle cosiddette Pasque Veronesi. La Serenissima e l’invasione napoleonica. Tutto raccontato dalla penna di un oste del 1700 che scrisse gli accadimenti di quegli anni in un prezioso documento storico.FacebookTwitteremail

Noi tra di Voi!

Abbiamo abbattuto la “nostra” quarta parete: non vogliamo nessun tipo di barriera impenetrabile tra il pubblico e il proscenio sul quale ci muoviamo. Così, a definire il confine culturale tra noi e il mondo del teatro – di tutto il teatro, ma anche del più ampio settore della cultura – immaginiamo solo una quinta parete. La parete che non c’è! Quella parete che limita la nascita di nuovi progetti, di nuove idee, di nuovi slanci…quella parete che limita la comunicazione e la diffusione degli eventi nel tessuto della città. Proprio come in un teatro antico, aperto a tutti e da ogni lato, un teatro con un palcoscenico circolare dove gli spettatori possano essere ancora più vicine agli attori, agli autori… agli artisti . E noi tra di loro, a promuovere e organizzare eventi che arricchiscano lo spazio culturale della città, a creare opportunità per artisti e nuovi talenti per esibirsi, per far valere la loro arte. E noi tra di Voi con un gruppo di esperti e appassionati ma anche di giovani intraprendenti, perché l’arte e la cultura possano far parte della vita di tutti i giorni.


Hanno patrocinato i nostri eventi...



Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio

...e diverse Circoscrizioni territoriali