Quinta Parete

Noi tra di voi

Contaminazioni: Carradore e Suzzani a Lodi

Sabato 30 aprile, presso Chiesa dell’Angelo a Lodi, inaugura Contaminazioni, mostra confronto tra l’artista lodigiano Enrico Suzzani e il veronese Vittorio Carradore. L’esposizione presenta il lavoro di due tra gli artisti più apprezzati del territorio, il primo di recente impegnato in numerose esposizioni tra cui Emozioni, tenutasi nello spazio espositivo adiacente al Museo Ricci Oddi di Piacenza e il secondo gratificato dal successo di Poetiche geometrie in terra veronese, antologica di oltre 90 opere, tenutasi tra dicembre 2015 e gennaio 2016  presso il prestigioso Palazzo Espositivo della Gran Guardia di Verona.

Contaminazioni, a cura di Federico Martinelli, dell’Associazione Culturale Quinta Parete di Verona, che collabora all’evento, vanta il patrocinio delle regioni Lombardia e Veneto, delle province di Lodi e Verona nonché dei Comuni di Lodi, Codogno (LO), Camairago (LO) e San Bonifacio VR): plebiscito istituzionale segno evidente del valore  artistico della proposta.

Enrico Suzzani e Vittorio Carradore raccontano le emozioni della loro terra, i colori e il sentimento della Lombardia e del Veneto, grazie al sensibile filtro della loro anima restituendo, con la loro tavolozza, l’infinita suggestione che ognuno di noi prova davanti al bello e davanti a ciò che, volontariamente o meno, ci trasmette qualcosa.

Entrambi figurativi fanno del paesaggio una delle espressioni massime della loro arte: Suzzani alterna al racconto della campagna lombarda il fascino di Parigi, della Bretagna per una poesia di colore e di soggetto. Carradore irradia forza, energia e sentimento nel racconto delle dorsali, delle colline e dei campi del Veneto: un tripudio di colore che alterna al verde delle colline, il fascino dei campi coltivati, vortice cromatico senza pari.

Entrambi, poi, si discostano dal paesaggio per raccontare il loro sentimento, ciò che vede solo l’artista maturo. È il curatore Martinelli a scrivere: “Suzzani dipinge salotti e studi d’artista, soggetti che attraverso il filtro sensibile che lo caratterizza, irradiano struggente poesia. Carradore, con altrettanto lirismo, racconta il mondo delle tradizioni e delle attività artigianali: uomini al lavoro, donne intente a rammendare maglie o impegnate a realizzare porcellane. O anche bambini in crocchio che si scambiano le figurine o, ancora, raffigurazioni di oggetti e ricordi di un tempo: siano essi giocattoli piuttosto che un vecchio annaffiatoio o la gabbia dell’uccellino della propria infanzia”.

La mostra, organizzata con la collaborazione dell’Associazione Culturale Quinta Parete di Verona, è aperta tutti i giorni da martedì a venerdì dalle 15.30 alle 19.30 mentre sabato, domenica e festivi dalle 10.00 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 19.30.

Allegati:

Il pieghevole della mostra


Prossimi Appuntamenti

09

Ago

2019

    L’uomo che piantava gli alberi

  • Luogo: Avesa, Verona - Villa Scopoli
  • Curatore: Teatro Impiria

Uno spettacolo che parla alle corde dell’anima. L’amore per la natura e per un futuro migliore attraverso parole che donano sentimenti di pace e serenità.FacebookTwitteremail

10

Ago

2019

    Dove vai tutta nuda?

  • Luogo: Arbizzano, Negrar - Villa Albertini
  • Curatore: I tre pantaloni

Uno spettacolo avvincente, tratto da Feydeau. Il ritmo, gli incastri e i canoni del vaudeville per una commedia tutta da ridere. Un tuffo spensierato nei malintesi, negli equivoci e negli incastri di una trama fitta di colpi di scena.FacebookTwitteremail

18

Ago

2019

    Un curioso accidente

  • Luogo: Arbizzano, Negrar - Villa Albertini
  • Curatore: La Bottega Teatro

Un capolavoro di Carlo Goldoni. Un tuffo aggraziato in una commedia dal sapore universale, uno spaccato sulla società del 1600 che … più di tanto non è cambiata rispetto a oggi.FacebookTwitteremail

23

Ago

2019

    L’osto de Verona

  • Luogo: Avesa, Verona - Villa Scopoli
  • Curatore: Guido Ruzzenenti

Verona, negli anni delle cosiddette Pasque Veronesi. La Serenissima e l’invasione napoleonica. Tutto raccontato dalla penna di un oste del 1700 che scrisse gli accadimenti di quegli anni in un prezioso documento storico.FacebookTwitteremail

Noi tra di Voi!

Abbiamo abbattuto la “nostra” quarta parete: non vogliamo nessun tipo di barriera impenetrabile tra il pubblico e il proscenio sul quale ci muoviamo. Così, a definire il confine culturale tra noi e il mondo del teatro – di tutto il teatro, ma anche del più ampio settore della cultura – immaginiamo solo una quinta parete. La parete che non c’è! Quella parete che limita la nascita di nuovi progetti, di nuove idee, di nuovi slanci…quella parete che limita la comunicazione e la diffusione degli eventi nel tessuto della città. Proprio come in un teatro antico, aperto a tutti e da ogni lato, un teatro con un palcoscenico circolare dove gli spettatori possano essere ancora più vicine agli attori, agli autori… agli artisti . E noi tra di loro, a promuovere e organizzare eventi che arricchiscano lo spazio culturale della città, a creare opportunità per artisti e nuovi talenti per esibirsi, per far valere la loro arte. E noi tra di Voi con un gruppo di esperti e appassionati ma anche di giovani intraprendenti, perché l’arte e la cultura possano far parte della vita di tutti i giorni.


Hanno patrocinato i nostri eventi...



Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio

...e diverse Circoscrizioni territoriali