Quinta Parete

Noi tra di voi

«FreakShakespeare», la follia di Lear e la memoria della Storia

VILLA ALBERTINI. Attualità e teatro mescolati nell’allestimento essenziale di Attori&Attori

Nella riduzione di De Manincor l’umanità che non impara dal passato

 

L’Arena, mercoledì 21 settembre 2016 SPETTACOLI, pagina 55

Nell’ultimo progetto teatrale della compagine Attori&Attori c’è tanta riflessione sull’attualità mescolata con Shakespeare, ma quello che coinvolge maggiormente è il montaggio scenico: una girandola di voci, suoni e personaggi che avvolgono il pubblico da ogni lato. Con il titolo FreakShakespeare, nelle tre sere a Villa Albertini di Arbizzano, il gruppo di professionisti ha portato una riduzione essenziale (e per nulla riduttiva) della tragedia del Bardo. Capitanati da Andrea De Manincor, che ne ha curato la drammaturgia originale e interpretato il Re, gli attori Anna Benico, Jessica Grossule, Andrea Manganotto, Sabrina Modenini, Matteo Montaperto e Stefano Zanelli si sono distinti in bravura, dimostrando quanto poco il teatro abbia bisogno di orpelli. Ideato per essere allestito nel parco della villa, è andato in scena all’interno della sala polifunzionale messa disposizione dall’Amministrazione Comunale di Negrar e l’accostamento con la sala scarna del trucco (realizzato da Anna Penazzo), dei costumi e ancor più delle movenze attoriali ha avuto l’inaspettato effetto di metterne in luce le qualità. Rimane però la curiosità di vedere quanto l’intrinseca magia della natura dopo il tramonto possa enfatizzarne i tratti folli e inquietanti. A De Manincor premeva una riflessione «sugli anziani custodi di memoria e sulla perdita di memoria», ha spiegato al pubblico al termine della rappresentazione. Ha così calcato la mano, già pesante in Shakespeare, sulla distanza generazionale tra Lear e le sue figlie, sull’ottusità che muove le nuove generazioni nella ricerca di autonomia (che nell’opera è anche ricerca ossessiva di potere) e la cecità di fronte al valore della conoscenza pregressa. Un lavoro nel complesso originale che rischia di essere affievolito da qualche incursione di troppo nella comicità caricaturale.Il giullare di Lear (interpretato da Andrea Manganotto) ricopre il giusto ruolo di Cicerone nel regno della follia e sottolinea l’incapacità di imparare dal passato. Fa menzione alla guerra civile in Siria, come le ritorsioni turche contro i curdi e l’attentato di Nizza. Lo stesso fool canta sulle musiche composte dal giovane Pietro Montanti e suonate dal vivo da un ensemble di allievi del Conservatorio. In un piccolo colpo di scena finale rimbomba quando l’umanità riesca ad ascoltare senza apprendere. FreakShakespeare è stato realizzato in collaborazione con Quinta Parete di Federico Martinelli.

 

di Dunya Carcasole

Rassegna Stampa:

Scarica il PDF


Prossimi Appuntamenti

09

Ago

2019

    L’uomo che piantava gli alberi

  • Luogo: Avesa, Verona - Villa Scopoli
  • Curatore: Teatro Impiria

Uno spettacolo che parla alle corde dell’anima. L’amore per la natura e per un futuro migliore attraverso parole che donano sentimenti di pace e serenità.FacebookTwitteremail

10

Ago

2019

    Dove vai tutta nuda?

  • Luogo: Arbizzano, Negrar - Villa Albertini
  • Curatore: I tre pantaloni

Uno spettacolo avvincente, tratto da Feydeau. Il ritmo, gli incastri e i canoni del vaudeville per una commedia tutta da ridere. Un tuffo spensierato nei malintesi, negli equivoci e negli incastri di una trama fitta di colpi di scena.FacebookTwitteremail

18

Ago

2019

    Un curioso accidente

  • Luogo: Arbizzano, Negrar - Villa Albertini
  • Curatore: La Bottega Teatro

Un capolavoro di Carlo Goldoni. Un tuffo aggraziato in una commedia dal sapore universale, uno spaccato sulla società del 1600 che … più di tanto non è cambiata rispetto a oggi.FacebookTwitteremail

23

Ago

2019

    L’osto de Verona

  • Luogo: Avesa, Verona - Villa Scopoli
  • Curatore: Guido Ruzzenenti

Verona, negli anni delle cosiddette Pasque Veronesi. La Serenissima e l’invasione napoleonica. Tutto raccontato dalla penna di un oste del 1700 che scrisse gli accadimenti di quegli anni in un prezioso documento storico.FacebookTwitteremail

Noi tra di Voi!

Abbiamo abbattuto la “nostra” quarta parete: non vogliamo nessun tipo di barriera impenetrabile tra il pubblico e il proscenio sul quale ci muoviamo. Così, a definire il confine culturale tra noi e il mondo del teatro – di tutto il teatro, ma anche del più ampio settore della cultura – immaginiamo solo una quinta parete. La parete che non c’è! Quella parete che limita la nascita di nuovi progetti, di nuove idee, di nuovi slanci…quella parete che limita la comunicazione e la diffusione degli eventi nel tessuto della città. Proprio come in un teatro antico, aperto a tutti e da ogni lato, un teatro con un palcoscenico circolare dove gli spettatori possano essere ancora più vicine agli attori, agli autori… agli artisti . E noi tra di loro, a promuovere e organizzare eventi che arricchiscano lo spazio culturale della città, a creare opportunità per artisti e nuovi talenti per esibirsi, per far valere la loro arte. E noi tra di Voi con un gruppo di esperti e appassionati ma anche di giovani intraprendenti, perché l’arte e la cultura possano far parte della vita di tutti i giorni.


Hanno patrocinato i nostri eventi...



Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio

...e diverse Circoscrizioni territoriali