Quinta Parete

Noi tra di voi

Ritratti di paesaggi  Lo sguardo puro di Roberto Tommasi

 Quadri sulle stagioni, senza titolo: «L’arte figurativa parla da sola»

 

MOSTRA. Alla Meridiana fino al 30 novembre

06, domenica 06 novembre 2016 CULTURA, pagina 57

L’Adige che bagna la campagna veronese e il Sile che scorre nella pianura trevigiana. Le sponde dell’alto lago di Garda, i fiori e gli alberi del Parco giardino Sigurtà di Valeggio sul Mincio, la brulicante piazza Erbe. Alcune nature morte molto raffinate. Tanta natura, pochissime figure umane. Sono i paesaggi e i soggetti naturalistici, infatti, i temi prediletti da Roberto Tommasi, di Parona, 57 anni e pittore da 35. Temi che sono stati scelti per la mostra «Ritratti di paesaggio» aperta fino al 30 novembre alla Galleria d’Arte La Meridiana (via Oberdan, 3). L’esposizione, a cura di Federico Martinelli dell’associazione culturale Quinta Parete, comprende una cinquantina di tele e tavole dipinte a olio, di piccolo e medio formato, tutte «incastonate» in cornici bianche lavorate dallo stesso Tommasi. Per la mostra ha scelto opere recentissime e altre risalenti a qualche anno fa. Il filo conduttore è il medesimo: scorci di natura incontaminata, paesaggi rurali, vedute di Verona d’altri tempi. La sua pennellata è classica, morbida. Senza esagerazioni né tensioni. I colori sono perlopiù tenui e leggeri. Il tempo, nei suoi quadri, sembra essersi fermato.«La pittura di Tommasi libera con delicatezza un messaggio di ritorno a una vita fatta di valori antichi, lontani da ogni frenesia dell’attuale», spiega il curatore Martinelli. «Legata principalmente alla raffigurazione del paesaggio, riflette l’anima del cantore della bellezza pura e immediata della natura in ogni sua forma». E aggiunge: «La mostra racconta l’evoluzione delle stagioni, del verde rigoglioso di un bosco estivo o del grigio e del marrone di un monocromo autunno nel pieno della sua essenza». Tommasi non esponeva da qualche anno. La sua ultima personale è stata due anni fa, a San Zeno. È un artista autodidatta e schivo. I quadri esposti alla Meridiana non hanno titoli riportati a fianco dell’opera. «L’arte figurativa parla da sola». “Ritratti di paesaggio” è aperta a ingresso libero: dal lunedì al venerdì dalle 16 alle 20, sabato e domenica dalle 10 alle 12.30 e dalle 16 alle 20.

di Camilla Madinelli

 

Rassegna Stampa:

Scarica il PDF


Prossimi Appuntamenti

09

Ago

2019

    L’uomo che piantava gli alberi

  • Luogo: Avesa, Verona - Villa Scopoli
  • Curatore: Teatro Impiria

Uno spettacolo che parla alle corde dell’anima. L’amore per la natura e per un futuro migliore attraverso parole che donano sentimenti di pace e serenità.FacebookTwitteremail

10

Ago

2019

    Dove vai tutta nuda?

  • Luogo: Arbizzano, Negrar - Villa Albertini
  • Curatore: I tre pantaloni

Uno spettacolo avvincente, tratto da Feydeau. Il ritmo, gli incastri e i canoni del vaudeville per una commedia tutta da ridere. Un tuffo spensierato nei malintesi, negli equivoci e negli incastri di una trama fitta di colpi di scena.FacebookTwitteremail

18

Ago

2019

    Un curioso accidente

  • Luogo: Arbizzano, Negrar - Villa Albertini
  • Curatore: La Bottega Teatro

Un capolavoro di Carlo Goldoni. Un tuffo aggraziato in una commedia dal sapore universale, uno spaccato sulla società del 1600 che … più di tanto non è cambiata rispetto a oggi.FacebookTwitteremail

23

Ago

2019

    L’osto de Verona

  • Luogo: Avesa, Verona - Villa Scopoli
  • Curatore: Guido Ruzzenenti

Verona, negli anni delle cosiddette Pasque Veronesi. La Serenissima e l’invasione napoleonica. Tutto raccontato dalla penna di un oste del 1700 che scrisse gli accadimenti di quegli anni in un prezioso documento storico.FacebookTwitteremail

Noi tra di Voi!

Abbiamo abbattuto la “nostra” quarta parete: non vogliamo nessun tipo di barriera impenetrabile tra il pubblico e il proscenio sul quale ci muoviamo. Così, a definire il confine culturale tra noi e il mondo del teatro – di tutto il teatro, ma anche del più ampio settore della cultura – immaginiamo solo una quinta parete. La parete che non c’è! Quella parete che limita la nascita di nuovi progetti, di nuove idee, di nuovi slanci…quella parete che limita la comunicazione e la diffusione degli eventi nel tessuto della città. Proprio come in un teatro antico, aperto a tutti e da ogni lato, un teatro con un palcoscenico circolare dove gli spettatori possano essere ancora più vicine agli attori, agli autori… agli artisti . E noi tra di loro, a promuovere e organizzare eventi che arricchiscano lo spazio culturale della città, a creare opportunità per artisti e nuovi talenti per esibirsi, per far valere la loro arte. E noi tra di Voi con un gruppo di esperti e appassionati ma anche di giovani intraprendenti, perché l’arte e la cultura possano far parte della vita di tutti i giorni.


Hanno patrocinato i nostri eventi...



Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio

...e diverse Circoscrizioni territoriali