Quinta Parete

Noi tra di voi

Serata futurista, flusso senza deragliamenti

TEATRO RISTORI. «Zang Tumb Tumb» è una rievocazione

Bravo Floreani a scovare brani inediti negli archivi

 

giovedì 06 novembre 2014 SPETTACOLI, pagina 51

 

Prima Federico Martinelli dell’associazione Quinta Parete e poi l’artista Roberto Floreani spiegano alla nutrita platea del teatro Ristori le fortunate coincidenze e i motivi di una serata futurista a Verona. Date, ricorrenze: forse anche quella sottovalutata del 4 novembre, tragico ricordo di una guerra che Boccioni e soci invocavano come svolta, dinamismo e rottura col passato, qui è sfondo spinoso dello Zang Tumb Tumb ideato dallo stesso Floreani. Di rievocazione si tratta, va detto, altrimenti, manifesti alla mano, dovremmo giudicare l’operazione come poco dinamica, poco simultanea e assai poco responsabile di quella «eccitazione sensoriale polifonica» che invadeva come onda d’urto il teatro dei Piccoli a fianco della basilica romana di Santa Maria Maggiore. Dissimmetrie, dissonanze, astrazioni geometriche: così si leggeva nel manifesto di Prampolini e in quello di Russolo che predicavano scenografie plastiche e luci che traducessero la soggettività dell’attore in «rivelazioni dell’invisibile». Luci che sostituiscono l’attore, non che ne fanno colonna sonora didascalica.
Là si guardava al circo e al cabaret per abolire la ribalta e trasformare il riso in corrosione. Qui si conserva la cen- tralità della scena frontale alla platea. Là i contrasti assorbivano tempi morti del palcoscenico e l’inerzia della scaletta, qui invece rispettata nella sua scansione pre-descritta agli spettatori. Splendore meccanico, cinetismo, sorpresa e teatro come luogo del possibile. Abolizione della ribalta, cen- tralità dello spettatore coinvolto dallo scatenamento di energie psicofisiche.
Al Ristori si è comodamente seduti sotto una pioggia finale di volantini, si ascoltano le declamazioni di Floreani stesso, l’energico Michele Vigilante e il sognante Sergio Bonometti che riporta spezzoni di un precedente lavoro sul futurismo, quel Sognavamo di vivere l’assoluto dedicato a Verossì. La musica è disseminata e affidata a tre giovani (gioia e vanto di Marinetti) e al pianoforte di Roberto Jonata che dovrebbe romperlo per produrre distonie e fragori meccanici imprevedibili quanto beceri.
Contenuti più che tecnica dunque, testi più che una forma forse ormai irrappresentabile. Ci sono interessanti brani inediti scovati da Floreani negli archivi, l’effetto eroico e onomatopeico del recitato, ma nessun scalpitio dei cavalli e gli spari della mitraglia nell’odore di polvere. La danza di Giannina Censi è nel corpo di Miriam Peraro, la sua aereodanza ha la nostalgia di un’avanguardia che cercava l’assoluto nella materia e nello spazio. Cercava di forzare la realtà intuendo ciò che Cage prima e Fontana poi riusciranno in parte a tradurre con i rumori liberi e lo spazio infinito. Un’utopia disillusa, come tante dopo la proclamata morte dell’arte con cui anche una «rievocazione» deve fare i conti, almeno per non trasformare quel vuoto post-moderno in nostalgia.

 

di Simone Azzoni


Prossimi Appuntamenti

18

Ott

2020

    Metaforicamente. Mostra di tarsie lignee di Francesco Lazzar

  • Luogo: Abano Terme
  • Curatore: Federico Martinelli

Dal 18 ottobre al 1 novembre, mostra di tarsie lignee artistiche del M°Francesco Lazzar. Ingresso libero.FacebookTwitteremail

24

Ott

2020

    6^ Rassegna Nazionale dei Maestri Intarsiatori Lignei

  • Luogo: Verona, Sala Birolli
  • Curatore: Federico Martinelli

Sedici intarsiatori prendono parta alla 6 edizione della Rassegna Nazionale per un percorso sulla tarsia contemporanea tra le ispirazioni classico – rinascimentali e gli slanci moderni delle avanguardie. Ingresso libero.FacebookTwitteremail

Noi tra di Voi!

Abbiamo abbattuto la “nostra” quarta parete: non vogliamo nessun tipo di barriera impenetrabile tra il pubblico e il proscenio sul quale ci muoviamo. Così, a definire il confine culturale tra noi e il mondo del teatro – di tutto il teatro, ma anche del più ampio settore della cultura – immaginiamo solo una quinta parete. La parete che non c’è! Quella parete che limita la nascita di nuovi progetti, di nuove idee, di nuovi slanci…quella parete che limita la comunicazione e la diffusione degli eventi nel tessuto della città. Proprio come in un teatro antico, aperto a tutti e da ogni lato, un teatro con un palcoscenico circolare dove gli spettatori possano essere ancora più vicine agli attori, agli autori… agli artisti . E noi tra di loro, a promuovere e organizzare eventi che arricchiscano lo spazio culturale della città, a creare opportunità per artisti e nuovi talenti per esibirsi, per far valere la loro arte. E noi tra di Voi con un gruppo di esperti e appassionati ma anche di giovani intraprendenti, perché l’arte e la cultura possano far parte della vita di tutti i giorni.


Hanno patrocinato i nostri eventi...



Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio

...e diverse Circoscrizioni territoriali