Quinta Parete

Noi tra di voi

Serata futurista, flusso senza deragliamenti

TEATRO RISTORI. «Zang Tumb Tumb» è una rievocazione

Bravo Floreani a scovare brani inediti negli archivi

 

giovedì 06 novembre 2014 SPETTACOLI, pagina 51

 

Prima Federico Martinelli dell’associazione Quinta Parete e poi l’artista Roberto Floreani spiegano alla nutrita platea del teatro Ristori le fortunate coincidenze e i motivi di una serata futurista a Verona. Date, ricorrenze: forse anche quella sottovalutata del 4 novembre, tragico ricordo di una guerra che Boccioni e soci invocavano come svolta, dinamismo e rottura col passato, qui è sfondo spinoso dello Zang Tumb Tumb ideato dallo stesso Floreani. Di rievocazione si tratta, va detto, altrimenti, manifesti alla mano, dovremmo giudicare l’operazione come poco dinamica, poco simultanea e assai poco responsabile di quella «eccitazione sensoriale polifonica» che invadeva come onda d’urto il teatro dei Piccoli a fianco della basilica romana di Santa Maria Maggiore. Dissimmetrie, dissonanze, astrazioni geometriche: così si leggeva nel manifesto di Prampolini e in quello di Russolo che predicavano scenografie plastiche e luci che traducessero la soggettività dell’attore in «rivelazioni dell’invisibile». Luci che sostituiscono l’attore, non che ne fanno colonna sonora didascalica.
Là si guardava al circo e al cabaret per abolire la ribalta e trasformare il riso in corrosione. Qui si conserva la cen- tralità della scena frontale alla platea. Là i contrasti assorbivano tempi morti del palcoscenico e l’inerzia della scaletta, qui invece rispettata nella sua scansione pre-descritta agli spettatori. Splendore meccanico, cinetismo, sorpresa e teatro come luogo del possibile. Abolizione della ribalta, cen- tralità dello spettatore coinvolto dallo scatenamento di energie psicofisiche.
Al Ristori si è comodamente seduti sotto una pioggia finale di volantini, si ascoltano le declamazioni di Floreani stesso, l’energico Michele Vigilante e il sognante Sergio Bonometti che riporta spezzoni di un precedente lavoro sul futurismo, quel Sognavamo di vivere l’assoluto dedicato a Verossì. La musica è disseminata e affidata a tre giovani (gioia e vanto di Marinetti) e al pianoforte di Roberto Jonata che dovrebbe romperlo per produrre distonie e fragori meccanici imprevedibili quanto beceri.
Contenuti più che tecnica dunque, testi più che una forma forse ormai irrappresentabile. Ci sono interessanti brani inediti scovati da Floreani negli archivi, l’effetto eroico e onomatopeico del recitato, ma nessun scalpitio dei cavalli e gli spari della mitraglia nell’odore di polvere. La danza di Giannina Censi è nel corpo di Miriam Peraro, la sua aereodanza ha la nostalgia di un’avanguardia che cercava l’assoluto nella materia e nello spazio. Cercava di forzare la realtà intuendo ciò che Cage prima e Fontana poi riusciranno in parte a tradurre con i rumori liberi e lo spazio infinito. Un’utopia disillusa, come tante dopo la proclamata morte dell’arte con cui anche una «rievocazione» deve fare i conti, almeno per non trasformare quel vuoto post-moderno in nostalgia.

 

di Simone Azzoni


Prossimi Appuntamenti

09

Ago

2019

    L’uomo che piantava gli alberi

  • Luogo: Avesa, Verona - Villa Scopoli
  • Curatore: Teatro Impiria

Uno spettacolo che parla alle corde dell’anima. L’amore per la natura e per un futuro migliore attraverso parole che donano sentimenti di pace e serenità.FacebookTwitteremail

10

Ago

2019

    Dove vai tutta nuda?

  • Luogo: Arbizzano, Negrar - Villa Albertini
  • Curatore: I tre pantaloni

Uno spettacolo avvincente, tratto da Feydeau. Il ritmo, gli incastri e i canoni del vaudeville per una commedia tutta da ridere. Un tuffo spensierato nei malintesi, negli equivoci e negli incastri di una trama fitta di colpi di scena.FacebookTwitteremail

18

Ago

2019

    Un curioso accidente

  • Luogo: Arbizzano, Negrar - Villa Albertini
  • Curatore: La Bottega Teatro

Un capolavoro di Carlo Goldoni. Un tuffo aggraziato in una commedia dal sapore universale, uno spaccato sulla società del 1600 che … più di tanto non è cambiata rispetto a oggi.FacebookTwitteremail

23

Ago

2019

    L’osto de Verona

  • Luogo: Avesa, Verona - Villa Scopoli
  • Curatore: Guido Ruzzenenti

Verona, negli anni delle cosiddette Pasque Veronesi. La Serenissima e l’invasione napoleonica. Tutto raccontato dalla penna di un oste del 1700 che scrisse gli accadimenti di quegli anni in un prezioso documento storico.FacebookTwitteremail

Noi tra di Voi!

Abbiamo abbattuto la “nostra” quarta parete: non vogliamo nessun tipo di barriera impenetrabile tra il pubblico e il proscenio sul quale ci muoviamo. Così, a definire il confine culturale tra noi e il mondo del teatro – di tutto il teatro, ma anche del più ampio settore della cultura – immaginiamo solo una quinta parete. La parete che non c’è! Quella parete che limita la nascita di nuovi progetti, di nuove idee, di nuovi slanci…quella parete che limita la comunicazione e la diffusione degli eventi nel tessuto della città. Proprio come in un teatro antico, aperto a tutti e da ogni lato, un teatro con un palcoscenico circolare dove gli spettatori possano essere ancora più vicine agli attori, agli autori… agli artisti . E noi tra di loro, a promuovere e organizzare eventi che arricchiscano lo spazio culturale della città, a creare opportunità per artisti e nuovi talenti per esibirsi, per far valere la loro arte. E noi tra di Voi con un gruppo di esperti e appassionati ma anche di giovani intraprendenti, perché l’arte e la cultura possano far parte della vita di tutti i giorni.


Hanno patrocinato i nostri eventi...



Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio

...e diverse Circoscrizioni territoriali