Quinta Parete

Noi tra di voi

Ulderico Marotto l’immagine della città com’era

Ulderico Marotto l’immagine della città com’era

ARTE. Fino al 18 giugno alla Loggia Barbaro-Torre del Capitanio
Gli scorci, le piazze, la gente: in oli, tempere e acquerelli sembra di esserci in mezzo e di respirarne l’atmosfera

Cantore di Verona, riconosciuto lungo tutto il Novecento come efficace interprete delle atmosfere dei luoghi, è riuscito a cogliere le visioni più affascinanti della città con l’unicità delle sue piazze, dei suoi ponti, dell’abbraccio dell’Adige ma anche degli scorci e degli angoli meno noti del paesaggio urbano. È Ulderico Marotto al quale è dedicata la mostra di pittura «La Verona di ieri», a cura di Silvana Xamo, con la collaborazione della Società Belle arti e dell’associazione culturale Quinta Parete. L’esposizione è ospitata fino al 18 giugno alla Loggia Barbaro-Torre del Capitanio, arricchita da un bel catalogo con le osservazioni critiche di Pier Luigi Facchin. NATO il 22 agosto 1890 a San Michele Extra (dove si spense il 27 febbraio 1985), oltre alla preparazione artistica alla scuola serale Arti e Mestieri in piazzetta Santa Eufemia, Marotto approfondì la sua formazione trasferendosi nel 1906 a Milano, dove frequentò contemporaneamente l’Accademia di Brera e la Scuola superiore d’Arte applicata all’industria al Castello Sforzesco. Nel 1921 dipinse il suo primo acquerello che fu esposto a Milano alla VII Biennale internazionale di Brera. Proficui per la sua ispirazione furono i viaggi e i soggiorni di studio in Liguria, a Venezia, a Chioggia e a Parigi. Numerose le mostre che Marotto tenne a Verona, Vicenza, Brescia, Mantova, Roma, Chicago. UNA CINQUANTINA le opere in esposizione alla Loggia Barbaro. Acquerelli, nei quali l’artista diede il meglio di sé. E tra questi «L’edicola di ponte Navi» che si staglia con la solennità di un monumento, «Un antico ingresso in via Orti di Spagna» con archi e verde fogliame, «Banco di fiori in piazza Isolo» bello come un giardino. Ma straordinarie sono anche le tempere. «Molin sentà» in secca presso San Giorgio, «In piazza Erbe a Verona» con le donne affaccendate e vendere e a comprare, «Scala della Ragione». E mirabili gli oli «L’Adige a Ponte Pietra» e «Via interrato Acqua Morta», un’immagine assolutamente desueta con la sua strada fatta solo d’acqua dove le barche riposano e le lavandaie sciacquano i panni. Lontani da una consolante arcadia, i lavori di Marotto catturano i fremiti raggianti e palpabili della vita quotidiana di un’epoca passata. Dentro le cornici, camminano, passeggiano o giocano uomini, donne e bambini, con una vitalità tale per cui non pare impossibile poter parlare con loro. Toccante è questa rievocazione di una Verona scomparsa, una città ora a volte quasi irriconoscibile per i cambiamenti dovuti al progresso e al mutare dei tempi. LE PENNELLATE si susseguono per andamenti ritmici, e riescono ad imprigionare il variare della luce nelle stagioni e il suo riflettersi sugli edifici, sulla vegetazione, sull’acqua, nei cieli di raso azzurro e d’avorio dove si disegnano bianche nuvole pellegrine. Non è un esercizio levigato, ma quasi scabro, fatto di piccoli tocchi sapienti che sanno posarsi con vigore e delicatezza sulla superficie pittorica. Ogni creazione è vibrante, immediatamente godibile per la sua radiosità, freschezza, verità, e per la capacità di trasformare in commossa poesia anche i soggetti più umili dipinti dall’artista di San Michele. La stessa poesia che mosse la penna di Bepo Spela, presente fra i quadri di Marotto con alcune delle pagine più idonee a descriverli e a cantarli.

Vera Meneguzzo

Allegati:

Scarica il PDF dell'articolo


Prossimi Appuntamenti

09

Ago

2019

    L’uomo che piantava gli alberi

  • Luogo: Avesa, Verona - Villa Scopoli
  • Curatore: Teatro Impiria

Uno spettacolo che parla alle corde dell’anima. L’amore per la natura e per un futuro migliore attraverso parole che donano sentimenti di pace e serenità.FacebookTwitteremail

10

Ago

2019

    Dove vai tutta nuda?

  • Luogo: Arbizzano, Negrar - Villa Albertini
  • Curatore: I tre pantaloni

Uno spettacolo avvincente, tratto da Feydeau. Il ritmo, gli incastri e i canoni del vaudeville per una commedia tutta da ridere. Un tuffo spensierato nei malintesi, negli equivoci e negli incastri di una trama fitta di colpi di scena.FacebookTwitteremail

18

Ago

2019

    Un curioso accidente

  • Luogo: Arbizzano, Negrar - Villa Albertini
  • Curatore: La Bottega Teatro

Un capolavoro di Carlo Goldoni. Un tuffo aggraziato in una commedia dal sapore universale, uno spaccato sulla società del 1600 che … più di tanto non è cambiata rispetto a oggi.FacebookTwitteremail

23

Ago

2019

    L’osto de Verona

  • Luogo: Avesa, Verona - Villa Scopoli
  • Curatore: Guido Ruzzenenti

Verona, negli anni delle cosiddette Pasque Veronesi. La Serenissima e l’invasione napoleonica. Tutto raccontato dalla penna di un oste del 1700 che scrisse gli accadimenti di quegli anni in un prezioso documento storico.FacebookTwitteremail

Noi tra di Voi!

Abbiamo abbattuto la “nostra” quarta parete: non vogliamo nessun tipo di barriera impenetrabile tra il pubblico e il proscenio sul quale ci muoviamo. Così, a definire il confine culturale tra noi e il mondo del teatro – di tutto il teatro, ma anche del più ampio settore della cultura – immaginiamo solo una quinta parete. La parete che non c’è! Quella parete che limita la nascita di nuovi progetti, di nuove idee, di nuovi slanci…quella parete che limita la comunicazione e la diffusione degli eventi nel tessuto della città. Proprio come in un teatro antico, aperto a tutti e da ogni lato, un teatro con un palcoscenico circolare dove gli spettatori possano essere ancora più vicine agli attori, agli autori… agli artisti . E noi tra di loro, a promuovere e organizzare eventi che arricchiscano lo spazio culturale della città, a creare opportunità per artisti e nuovi talenti per esibirsi, per far valere la loro arte. E noi tra di Voi con un gruppo di esperti e appassionati ma anche di giovani intraprendenti, perché l’arte e la cultura possano far parte della vita di tutti i giorni.


Hanno patrocinato i nostri eventi...



Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio

...e diverse Circoscrizioni territoriali