Quinta Parete

Noi tra di voi

Una targa per ricordare gli scatti dei Tommasoli

di Chiara Bazzanella su l’Arena di Verona del 29 aprile 2012

Una fucina di fotografie e ritratti. E, fino a 16 anni fa, punto di riferimento e passaggio obbligato non solo per i veronesi, ma anche per numerosi volti celebri che amavano frequentarlo. Lo studio di fotografia Tommasoli, all’angolo tra via San Nicolò e via Anfiteatro, è chiuso da tempo. Ma adesso, a ricordare i due fratelli Filippo e Fausto che si distinsero per la particolarità tecnica e grande personalità dei ritratti scattati, è stata inaugurata ieri una targa nei giardini di piazza San Nicolò.
«Dobbiamo dare risalto a chi ha fatto grande la nostra Verona anche a livello internazionale», ha dichiarato l’assessore ai Servizi demografici Daniele Polato. «E ricordare con segni tangibili chi resterà per sempre nella memoria cittadina, il più possibile vicino ai luoghi in cui ha vissuto e lavorato».
Nomi, quelli di Filippo e Fausto, ben noti al consigliere di prima circoscrizione Giorgio Bertani che ancora sogna di ritrovarsi tra le mani qualche scatto che i due fratelli gli fecero ai tempi delle sue contestazioni pubbliche. «Conoscevo bene i due fotografi», commenta. «Erano grandi amanti degli alberi e un giardino è il luogo migliore in cui ricordarli».
Una targa che è stata piazzata a due passi dallo studio di un tempo grazie all’impulso non solo dell’associazione culturale Quinta Parete, ma anche di figli e nipoti dei due Tommasoli che, dopo la cerimonia, hanno proseguito il pomeriggio con un convegno alla Banca Popolare per conversare sulla fotografia, a partire dalla storia di Filippo e Fausto Tommasoli.
«Ho lavorato con mio padre per 15 anni», dice il figlio di Filippo, Sirio Tommasoli, unico della famiglia a portare avanti la passione per la fotografia. «Mi ha insegnato tutto, anche se adesso i tempi, dopo l’arrivo del digitale, sono molto cambiati». Niente più ritratti, per la discendenza Tommasoli, che adesso coltiva i rapporti solo con le imprese. «Ho trasferito lo studio in via Macello 16 anni fa, con la speranza che l’amministrazione di quel tempo accogliesse la proposta di dedicare quegli spazi alla vita teatrale e a un museo per la fotografia. Ma hanno preferito piazzarci una pizzeria e un deposito bagagli e, dovendo seguire lo studio da solo, e allo stesso tempo viaggiare spesso fuori Verona, ho dovuto fare delle scelte ed escludere i rapporti con i privati».
Ma quella fotografia che è re- stata immutata per oltre 150 anni non viene certo dimenticata. E anzi, si trasforma anche in uno spunto per guardare la città scaligera con occhi diversi. «Dobbiamo domandarci come vediamo la città, con quale sguardo e privilegiando quali particolari», è intervenuto don Marco Campedelli, parroco di San Nicolò, benedicendo la nuova targa posizionata nei giardini. «È fondamentale saper riconoscere e individuare chi rimane invisibile e marginale alla nostra vista, e trasformare la testimonianza dei due fotografi in uno spunto concreto perché la città apra gli occhi in tutte le direzioni».

Allegati:

Scarica il PDF dell'articolo


Prossimi Appuntamenti

09

Ago

2019

    L’uomo che piantava gli alberi

  • Luogo: Avesa, Verona - Villa Scopoli
  • Curatore: Teatro Impiria

Uno spettacolo che parla alle corde dell’anima. L’amore per la natura e per un futuro migliore attraverso parole che donano sentimenti di pace e serenità.FacebookTwitteremail

10

Ago

2019

    Dove vai tutta nuda?

  • Luogo: Arbizzano, Negrar - Villa Albertini
  • Curatore: I tre pantaloni

Uno spettacolo avvincente, tratto da Feydeau. Il ritmo, gli incastri e i canoni del vaudeville per una commedia tutta da ridere. Un tuffo spensierato nei malintesi, negli equivoci e negli incastri di una trama fitta di colpi di scena.FacebookTwitteremail

18

Ago

2019

    Un curioso accidente

  • Luogo: Arbizzano, Negrar - Villa Albertini
  • Curatore: La Bottega Teatro

Un capolavoro di Carlo Goldoni. Un tuffo aggraziato in una commedia dal sapore universale, uno spaccato sulla società del 1600 che … più di tanto non è cambiata rispetto a oggi.FacebookTwitteremail

23

Ago

2019

    L’osto de Verona

  • Luogo: Avesa, Verona - Villa Scopoli
  • Curatore: Guido Ruzzenenti

Verona, negli anni delle cosiddette Pasque Veronesi. La Serenissima e l’invasione napoleonica. Tutto raccontato dalla penna di un oste del 1700 che scrisse gli accadimenti di quegli anni in un prezioso documento storico.FacebookTwitteremail

Noi tra di Voi!

Abbiamo abbattuto la “nostra” quarta parete: non vogliamo nessun tipo di barriera impenetrabile tra il pubblico e il proscenio sul quale ci muoviamo. Così, a definire il confine culturale tra noi e il mondo del teatro – di tutto il teatro, ma anche del più ampio settore della cultura – immaginiamo solo una quinta parete. La parete che non c’è! Quella parete che limita la nascita di nuovi progetti, di nuove idee, di nuovi slanci…quella parete che limita la comunicazione e la diffusione degli eventi nel tessuto della città. Proprio come in un teatro antico, aperto a tutti e da ogni lato, un teatro con un palcoscenico circolare dove gli spettatori possano essere ancora più vicine agli attori, agli autori… agli artisti . E noi tra di loro, a promuovere e organizzare eventi che arricchiscano lo spazio culturale della città, a creare opportunità per artisti e nuovi talenti per esibirsi, per far valere la loro arte. E noi tra di Voi con un gruppo di esperti e appassionati ma anche di giovani intraprendenti, perché l’arte e la cultura possano far parte della vita di tutti i giorni.


Hanno patrocinato i nostri eventi...



Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio

...e diverse Circoscrizioni territoriali