Quinta Parete

Noi tra di voi

ZAI. Cinquanta fotografi per un percorso di comunicazione visiva

Sabato 4 maggio alle 18:00, presso Sala Birolli, inaugura la mostra fotografica “Zai. Un percorso di comunicazione visiva”. L’esposizione, ideata da Vittorio Rossi dell’APS Magazzino Verona e curata dal medesimo insieme a Federico Martinelli dell’Associazione Culturale Quinta Parete di Verona, che ne è l’organizzatrice, vanta il patrocinio del Comune di Verona – Assessorato al Decentramento Marco Padovani – e presenta il lavoro di 55 fotografi tra i 14 e i 73 anni.

Ancora una volta Quinta Parete, all’interno dello spazio dell’ex macello (accesso da Via Filippini e da via Ponte Aleardi all’interno del più ampio complesso del Centro Botteghe Artigiane), propone un evento fotografico che vede impiegati numerosi amatori, appassionati, emergenti ed esperti di quest’arte, nell’ottica di proporre sempre progetti innovativi. L’iniziativa, in particolare, è nata nell’ambito degli incontri sulla cultura fotografica tenuti da Vittorio Rossi all’interno dello spazio Cabaret Voltaire nell’ottica di un’ampia diffusione della fotografia.

Partner dell’evento in Sala Birolli sono Benacus Arte, la Cantina Vinicola Paolo Cottini, La Tigella e Studio Fotografico che sostengono da tempo le iniziative dell’Associazione.

È Martinelli a specificare:

Dopo il successo delle ultime mostre dedicate al racconto del tessuto urbano “Impronte 4”, “Istinto Urbano. Geometria, astrazione, metafisica”, “Zai. Un percorso di comunicazione visiva” si inserisce come un ideale completamento di un percorso in evoluzione, che porterà a Verona altre mostre sull’argomento.

Rossi sottolinea la particolarità del linguaggio fotografico:

La paura, che forse è la più arcana delle emozioni primarie è sempre uguale sia che ad averla sia un bambino sia che si tratti di un anziano. Anche la fotografia è un linguaggio unico e primario. Da queste considerazioni è nata questa mostra, che può essere considerata come esperimento collettivo dal risultato sorprendente.

Uno solo scatto per ogni autore per sintetizzare il luogo, un posto formalmente non bello ma che esercita un fascino irresistibile e unico nel suo genere e che merita di essere valorizzato.

Conclude Martinelli:

         La giovane età di chi si affaccia a quest’arte per la prima volta -o che vi si è affacciato da poco- e la maturità di chi ha la padronanza del mezzo da oltre cinquant’anni, sono uno dei punti di forza di un progetto che vuole essere un omaggio a un quartiere sospeso tra archeologia industriale e nuove costruzioni, frutto di architetture anche audaci e innovative. Ci sono poi, oltre alla differente padronanza tecnica, tutte le sensibilità che portano, gli autori di ogni scatto, a valorizzare ora un aspetto, ora un altro. Che sia la differenza generazionale, che sia semplicemente la necessità di fissare un dato attimo anche per questioni ambientali o temporali, ciò che l’osservatore può individuare è un percorso genuino e d’istinto verso la contraddittorietà e il fascino di un quartiere sospeso tra memoria e innovazione.

 

Dopo l’inaugurazione del 4 maggio alle 18:00, alla presenza dei curatori, dei fotografi e delle autorità, la mostra sarà aperta dal lunedì al venerdì dalle 17:00 alle 19:30. Il sabato e domenica dalle 10 alle 12:30 e dalle 15:00 alle 19:30. L’ingresso è libero.

 

I cinquanta fotografi in mostra

Cataldo Albano, Cinzia Aldegheri, Giampietro Arlandi, Mara Balabio, Daniela Bazzerla,Giovanna Beltrame, Barbara Boni, Gabriella Brugaletta, Elena Campedelli, Stefano Campostrini, Stefano Cavallini, Claudio Concina, Danila Daniel, Giada De Bon, Luca De Bon,  Paolo Facchini, Irene Faccio, Stefano Gaspari, Andrea Gironi, Giulio Gironi Maria Luisa Giuliari, Silvia Gonzato, Sara Gozzo, Marilla Livellini, Marina Lodola, Gianni Lonardi, Alice Lupi, Flavia Marani, Stefano Mazzi, Marco Meneghello, Ivano Mercanzin, Chiara Morando, Daria Morgon, Livio Nogarin, Luisa Perini, Erich Perrotta, Sergio Pimazzoni, Antonio Rigoni, Giuliana Rossato, Vittorio Rossi, Massimo Sbardelaro, Mariuccia Scarmagnani, Matilde Schiavone, Paolo Signorini, Patrizia Sonato, Elisa Spinelli, Silvio Tornieri, Antonella Vecchi, Anna Veronesi, Paola Zacchè


Prossimi Appuntamenti

09

Ago

2019

    L’uomo che piantava gli alberi

  • Luogo: Avesa, Verona - Villa Scopoli
  • Curatore: Teatro Impiria

Uno spettacolo che parla alle corde dell’anima. L’amore per la natura e per un futuro migliore attraverso parole che donano sentimenti di pace e serenità.FacebookTwitteremail

10

Ago

2019

    Dove vai tutta nuda?

  • Luogo: Arbizzano, Negrar - Villa Albertini
  • Curatore: I tre pantaloni

Uno spettacolo avvincente, tratto da Feydeau. Il ritmo, gli incastri e i canoni del vaudeville per una commedia tutta da ridere. Un tuffo spensierato nei malintesi, negli equivoci e negli incastri di una trama fitta di colpi di scena.FacebookTwitteremail

18

Ago

2019

    Un curioso accidente

  • Luogo: Arbizzano, Negrar - Villa Albertini
  • Curatore: La Bottega Teatro

Un capolavoro di Carlo Goldoni. Un tuffo aggraziato in una commedia dal sapore universale, uno spaccato sulla società del 1600 che … più di tanto non è cambiata rispetto a oggi.FacebookTwitteremail

23

Ago

2019

    L’osto de Verona

  • Luogo: Avesa, Verona - Villa Scopoli
  • Curatore: Guido Ruzzenenti

Verona, negli anni delle cosiddette Pasque Veronesi. La Serenissima e l’invasione napoleonica. Tutto raccontato dalla penna di un oste del 1700 che scrisse gli accadimenti di quegli anni in un prezioso documento storico.FacebookTwitteremail

Noi tra di Voi!

Abbiamo abbattuto la “nostra” quarta parete: non vogliamo nessun tipo di barriera impenetrabile tra il pubblico e il proscenio sul quale ci muoviamo. Così, a definire il confine culturale tra noi e il mondo del teatro – di tutto il teatro, ma anche del più ampio settore della cultura – immaginiamo solo una quinta parete. La parete che non c’è! Quella parete che limita la nascita di nuovi progetti, di nuove idee, di nuovi slanci…quella parete che limita la comunicazione e la diffusione degli eventi nel tessuto della città. Proprio come in un teatro antico, aperto a tutti e da ogni lato, un teatro con un palcoscenico circolare dove gli spettatori possano essere ancora più vicine agli attori, agli autori… agli artisti . E noi tra di loro, a promuovere e organizzare eventi che arricchiscano lo spazio culturale della città, a creare opportunità per artisti e nuovi talenti per esibirsi, per far valere la loro arte. E noi tra di Voi con un gruppo di esperti e appassionati ma anche di giovani intraprendenti, perché l’arte e la cultura possano far parte della vita di tutti i giorni.


Hanno patrocinato i nostri eventi...



Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio
Patrocinio

...e diverse Circoscrizioni territoriali